Ti trovi in:

Edilizia e Ambiente » Edilizia privata » Segnalazione certificata di inizio attività

Segnalazione certificata di inizio attività

di Venerdì, 24 Ottobre 2014
Immagine decorativa

La S.C.I.A. è una procedura semplificata che consente al privato di effettuare quegli interventi edilizi che non sono soggetti alla concessione edilizia nè sono considerati attività libere ai sensi dell'art. 97 della L.P. 1/2008.

In particolare, sono soggetti a S.C.I.A. gli interventi che non rientrano fra quelli previsti dagli artt. 97 e 100 della L.P. 1/2008.  Sono comunque soggetti a S.C.I.A. i seguenti interventi:

  • volumi tecnici;
  • sopraelevazioni e ampliamenti che non superano il 10 per cento del volume edilizio esistente e pertinenze prive di autonoma funzionalità concernenti edifici esistenti;
  • il mutamento della destinazione d'uso e l'aumento delle unità immobiliari di edifici esistenti, anche con opere, senza aumento di volume o superficie;
  • interventi previsti dai piani attuativi già autorizzati ai fini della tutela del paesaggio o, se i piani attuativi non sono soggetti ad autorizzazione paesaggistica, rispetto ai quali la CPC ha espresso parere favorevole in presenza di elementi formali e architettonici;
  • interventi realizzati in conformità a manuali tipologici approvati dalle comunità o dai comuni;
  • lavori di cui all'articolo 103, comma 5, per rendere l'opera abitabile o agibile;
  • parcheggi, da realizzare nel sottosuolo e nei locali al piano terreno degli edifici, ai fini del rispetto degli standard richiesti per le singole unità immobiliari;
  • opere di eliminazione delle barriere architettoniche in edifici esistenti, fermo restando quanto stabilito dall'articolo 97, comma 1, lettera a ter);
  • le varianti a concessioni edilizie nel limite del 10 per cento delle misure di progetto.

Inoltre sono soggetti alla presentazione della S.C.I.A. anche:

  • impianti fotovoltaici realizzati su edifici soggetti alla disciplina degli insediamenti storici e del patrimonio edilizio tradizionale ovvero soggetti alla tutela del paesaggio (art. 32 del d.P.P. n. 18-50/Leg. del 13 luglio 2010);
  • gli interventi di bonifica e sistemazione del terreno non connesse con il normale esercizio dell'attività agricola (art. 4 del d.P.P. n. 8-40/Leg del 8 marzo 2010);
  • le serre e i tunnel permanenti di cui all'art. 5 comma 5, lett. a) e b) del d.P.P. n. 8-40/Leg del 8 marzo 2010;
  • i muri di sostegno e di contenimento di altezza minore a 3 metri e le recinzioni.

Prima di presentare la S.C.I.A. l'interessato deve acquisire i provvedimenti permissivi previsti dall'art. 101, della L.P. 1/2008, l'autorizzazione paesaggistica prevista dal titolo III e il parere per la qualità architettonica di cui all'articolo 8, comma 2, lettera c), della L.P. 1/2008 se ed in quanto richiesti.

In alternativa alla presentazione della S.C.I.A. è sempre consentito agli interessati presentare la domanda per il rilascio della concessione edilizia, secondo le relative disposizioni.

Riferimenti normativi